Space & Spam

gravitizer

Ricevo nella casella di posta un invito a visionare la più grande invenzione -dopo il vibratore- nel campo dei trastulli. E mentre Brad Pitt e Tom Cruise spendono follie per fare i turisti nello spazio, io cerco di capire come andare in orbita col sesso gravitazionale.

In principio furono i Monty Phython

spamskit

Quasi tutti lo sanno ormai. La parola SPAM viene dal nome della nota carne in scatola britannica (qualcosa come Spiced Ham). Ma forse non tutti hanno visto lo sketch dei Monty Phython da cui si narra sia venuta l’idea di appioppare il nome al bombardamento di mail indesiderate. Nell’episodio la parola spam viene ripetuta più di 100 volte… Imperdibile anche la canzoncina, che vi contagerà: Spam spam spam spam. Lovely spam! Wonderful spam! Spam spa-a-a-a-a-am spam spa-a-a-a-a-am spam. Lovely spam! Lovely spam! Lovely spam! Lovely spam! Lovely spam! Spam spam spam spam! qui il video qui la canzone

SP4M. D0 Y OU SWA1LOW?

aspama

Lo spam è culture specific? Secondo gli autori di SP4M si. “In the U.S for instance, spam mails are typically about get rich quick schemes, pornography, illegal medication. In India, spam emails often advertise websites and services for arranged marriages.” Ecco allora una mappa su cui scorrono, in tempo reale, i contenuti del flusso di mail spazzatura in diversi luoghi geografici.

L’economia del desiderio

ludovico

Un testo che ripercorre la storia dello spam, ne analizza il linguaggio, le implicazioni sociali, le manipolazioni artistiche. Si intitola Spam, the economy of desire e l’autore è Alessandro Ludovico di Neural.it (in inglese).

Outside the Inbox

outsidetheinbox

I Got Your Letter – Do You Measure Up – Feel Better Now – You Are Being Watched – Erik, Someone Wants To Date You- – Urgent Business Relationship – Look And Feel Years Younger – Don’t Worry Where Your Keys Are At – Urgent Business Confidential – Where Is The Best Place – Your Medication – A Quick, Simple Form – psiloveyou – My Parents Are Gone For The Weekend. I soliti noiosi oggetti dell’e-mail spam direte voi. Si… e no. In realtà  siamo di fronte ad un nuovo tentativo ispirato al principio del “già che c’è usiamolo”. Brad -il creativo di turno- dice: Outside the Inbox is a compilation of songs inspired by…

Sai che faccio? Rispondo!

spamletters-book

La prima regola antispam lo dice chiaramente: non rispondere mai. E invece Jonathan Land ha voluto rispondere. A tutte le mail di spam che ha ricevuto. Al principe nigeriano, all’andrologo, a tutti i venditori. Il risultato della surreale corrispondenza è diventato un libro: The Spam Letters.

Dillo con una maglietta

safari_4

Ancora un progetto all’insegna del riciclo estetico della posta spazzatura. Lo slogan stavolta è: “trasformiamo lo spam in glam”. Su The Spam Shirt, potete scegliere e ordinare una maglietta con stampato il testo della vostra spam mail preferita.

Spam recycler

spamrecycling

EnBW è la terza compagnia energetica tedesca. Grazie a sofisticati sistemi tecnologici, converte la spazzatura in una rinnovata fonte di energia. Con il progetto web The Spam Recycler, EnBW mette a disposizione anche una “macchina” per il riciclo della posta elettronica indesiderata. Guardate lo spam trasformarsi sotto i vostri occhi…

La decima musa

sam

Invidiosa della raccomandatissima Calliope, sfugge al controllo di Apollo. La musa Spam scorrazza ora per le nostre caselle di posta elettronica, ispirando il fervore artistico di pochi fortunati tra i mortali. Manifestandosi sotto varie sembianze, una pillola blu delle volte o un logo nuovo di zecca delle altre, il nostro ‘prescelto’ decide di raffigurarla assecondando le sue apparizioni. Sam e la sua Spam Art.